ATTENZIONE CICLISTI

L’Italia è il primo paese europeo per la produzione di biciclette.

Ogni anno le province investono sempre di più nella costruzione di piste ciclabili, soprattutto nelle grandi città dove la bici è un valido mezzo di trasporto in termini di tempo e in termini economici.

Le aziende di “bike-sharing” aumentano di anno in anno e il mercato di bici elettriche fiorisce.

D’altronde il nostro paese ha un clima mite e soleggiato, perciò molti preferiscono muoversi in bicicletta piuttosto che in auto.

Nonostante tutto ciò la convivenza tra automobilisti e ciclisti non è affatto “rose e fiori”.

Ogni anno muoiono circa 250 persone perchè investite mentre andavano in bici.

Purtroppo il codice della strada italiano presenta ancora lacune normative, a differenza di tanti paesi europei in cui la legge è ben chiara e definita.

Per esempio la distanza laterale minima prevista per il sorpasso di un ciclista è 1,5 metri sia per lo spostamento d’aria causato dal veicolo in movimento sia per evitare di investire la persona nel caso cadda a causa di un ostacolo improvviso (buche, tombini, rigonfiamenti..).

Nel testo di legge in fase di approvazione si parla anche di sanzioni, decurtazione di punti e sospensione della patente in caso non si rispettassero le norme vigenti.

Spesso anche da parte dei ciclisti assistiamo a comportamenti scorretti.

Per questo motivo il Codice della Strada parlerà chiaro per tutelare la sicurezza del ciclista stesso e degli altri.

“I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedono”. Possono procedere a coppie solo nei centri abitati, mentre nelle strade extra-urbane rigorosamente in fila indiana, a meno che non siano presenti minorenni.

FLS Srl p.iva 03995010273, REA VE-356187, CAPITALE SOCIALE 20.000,00 i.v. - Powered by Blue Solution Communication S.r.l